Scuola Media Santa Teresa: la Storia

Stampa
PDF
santa teresa 2014

Nel 1978 nell’ambito della crisi dei seminari minori, i superiori dei Padri Carmelitani Scalzi decisero la chiusura del collegio che sorgeva accanto al Santuario di S. Teresa di Tombetta (Verona). Terminava così una presenza iniziata nel secondo dopoguerra e che aveva formato numerosi candidati al sacerdozio e alla vita religiosa. Chiusa un’esperienza, ci si interrogò su come non perdere un patrimonio educativo e un corpo docente (quasi tutto composto da religiosi) e come rispondere alle mutate situazioni sia ecclesiali che culturali. In questa riflessione fu coinvolta non solo la comunità religiosa ma anche la Parrocchia.

Nacque un vasto movimento di simpatia e di richiesta per aprire una scuola cattolica, precisamente una scuola media. Dopo un lungo travaglio, con proposte a volte anche contrastanti, si decideva l’apertura di una scuola media per l’anno scolastico 1979/80: giuridicamente era la sezione maschile della scuola media S. Giuseppe L.R., che al contrario era femminile. Iniziava così un’avventura sempre più bella e grande, sia nella risonanza, che aveva nel quartiere e nella parte Sud della provincia, sia nel numero degli iscritti.

Partita con 25 iscritti, dopo alcuni anni si decideva una seconda sezione con classi fino a trenta alunni. Il numero maggiore che la scuola ha avuto è stato di 164 alunni. Nel frattempo, per una evoluzione nei rapporti con la Scuola S. Giuseppe e per un diverso modo di affrontare problematiche educative, nel 1987 si decideva e si otteneva la separazione delle due scuole che diventavano autonome, indipendenti e miste. La nostra prendeva il nome di Scuola S. Teresa.

Fin da subito la scuola divenne un punto di riferimento per molte famiglie, con le quali la direzione e il corpo docente cercarono sempre collaborazione schietta e leale. Infatti accanto agli organismi previsti dalla legislatura scolastica, spazio sempre più ricercato furono gli incontri per una “ scuola di genitori” , con ritiri e giornate di comunione e fraternità. La scuola voleva essere un luogo non da “subire” ma da costruire sempre più con l’apporto di tutti. I docenti, quasi tutti laici, oltre al lavoro professionale si prestavano ad attività extra per favorire e aiutare gli alunni in difficoltà.

Dal settembre 2000 la scuola è passata sotto una gestione cooperativistica e partecipativa. Essa è portata avanti dalla Cooperativa “Cultura e Valori”, ad ispirazione cristiana, i cui soci sono insegnanti e genitori, assieme ad altri soci volontari interessati a che permanga e si sviluppi una proposta educativa cristiana nel territorio. Si ritiene che tale impostazione sia la “formula del futuro”, perché particolarmente adatta alla società del domani che già oggi si sta realizzando.

Dal settembre 2014, terminato il rapporto con i Padri Carmelitani,  la sede della scuola è stata trasferita nel quartiere Golosine presso l’Istituto “Virgo Carmeli” (asilo nido, scuola dell’infanzia e scuola primaria), passato a sua volta in gestione alla Cooperativa “Cultura e Valori” e creando un nuovo polo educativo di riferimento per il territorio di Verona Sud.

Le famiglie che chiedono l’iscrizione del proprio figlio alla Scuola S.Teresa sono di varia estrazione sociale: operai, impiegati, artigiani, piccoli e medi imprenditori, liberi professionisti. Condividono concretamente il Progetto Educativo, collaborano con entusiasmo, partecipano alle iniziative formative proposte dalla scuola, si interessano dei problemi educativi ed economici.